Co-coltura Integrata Discreta Multiorgano (IdMOC)

[Aarti R. Uzgare and Albert P. Li New Paradigm in Toxicity Testing: Integrated Discrete Multiple Organ Co-cultures (IdMOC) for the Evaluation of Xenobiotic Toxicity. ALTEX: Current Proceedings: Vol 2, No. 1: 39-46]
Full Text: http://altweb.jhsph.edu/altex/proceedings/2_1/Uzgare2.pdf

Abstract:

Gli esseri umani sono esposti, intenzionalmente o meno, ad una serie di nuovi prodotti chimici a causa delle attività industriali. Vi è un’urgente necessità di valutare gli effetti biologici di queste nuove sostanze chimiche in modo efficiente e accurato. I programmi Tox21 e ToxCast ™ avviati dal National Institutes of Health (NIH) e dall’EPA raccomandano l’uso di metodi innovativi di analisi chimica per rispondere a questa domanda senza precedenti. L’iniziativa “Critical Paths” della US FDA enfatizza approcci sperimentali che siano direttamente traducibili in osservazioni cliniche. L’applicazione di high-throughput, saggi in vitro per delineare percorsi farmacologici e tossicologici in combinazione con la modellazione computazionale, rappresenta una delle strategie fondamentali per prevedere gli effetti chimici su animali ed esseri umani. La Co-coltura Integrata Discreta Multiorgano (IdMOC) è un nuovo sistema sperimentale in vitro che permette la valutazione degli effetti biologici di sostanze chimiche, con interazioni tra più tipi di cellule tra cui interazioni endocrine, paracrine e metaboliche.Un’applicazione specifica della IdMOC è la valutazione delle proprietà chimiche dipendenti dal metabolismo, come la tossicità e la farmacologia dipendenti dal metabolismo.

 

 

[Li AP. The use of the Integrated Discrete Multiple Organ Co-culture (IdMOC) system for the evaluation of multiple organ toxicity. Altern Lab Anim. 2009 Sep;37(4):377-85.]
Full Text: http://www.frame.org.uk/dynamic_files/li_final.pdf

Abstract:

L’applicazione del sistema di Co-coltura Integrata Discreta Multiorgano (IdMOC®) nella valutazione della tossicità organo-specifica è revisionata. Gli approcci in vitro per predire tossicità in vivo hanno avuto un successo limitato, soprattutto a causa della complessità delle reazioni tossiche in vivo. Le proprietà in vivo che non sono ben rappresentate in vitro includono risposte organo-specifiche, metabolismo di più organi, e interazioni tra più organi. Il sistema IdMOC è stato sviluppato per affrontare queste carenze. Il sistema utilizza un concetto ‘wells-within-a-well’ per la co-coltura di cellule o fette di tessuto di diversi organi come entità fisicamente separate (discrete) nei pozzetti interiori. Questi pozzi interni sono comunque interconnessi (integrati) mediante coltura sovrastante media nella grande caldaia contenente pozzi. Il sistema ldMOC modella così la situazione in vivo, in cui più organi sono fisicamente separati ma interconnessi dalla circolazione sistemica, permettendo interazioni multiple di organi. Il sistema IdMOC, sia con cellule o fette di tessuti provenienti da più organi, può essere utilizzato per valutare la tossicità di tipo cellulare-specifica o organo-specifica.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...