Problemi della Ricerca Traslazionale con Animali

[Martić-Kehl MI, Schibli R, Schubiger PA. Can animal data predict human outcome? Problems and pitfalls of translational animal research. Eur J Nucl Med Mol Imaging. 2012 Sep;39(9):1492-6. doi: 10.1007/s00259-012-2175-z.]

Full Text: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3411287/

Introduzione:

I modelli animali sono creduti predittivi per lo sviluppo di farmaci nella cura della salute umana. Mentre gli studi di DL50 di candidati farmaci sono sempre stati eseguiti in animali come roditori o cani, gli studi di efficacia e di effetti avversi che utilizzano animali come modello per gli esseri umani sono stati richiesti solo alla fine del 1950, come conseguenza dello scandalo talidomide, dove migliaia di bambini sono nati con gravi deformazioni agli arti.

Negli ultimi 10-15 anni, le metodologie di ricerca precliniche sono aumentate crucialmente per quanto riguarda la misurazione della sensibilità e della specificità. Adattate e migliorate per l’ uso dedicato alla ricerca su animali, la tomografia ad emissione di positroni (PET) e la tomografia computerizzata a emissione di singolo fotone (SPECT) sono buoni esempi di tali metodologie . Ci sembra che una maggiore precisione della misura nella ricerca animale ha in qualche modo aumentato le aspettative per quanto riguarda la previsione dell’esito umano di dati preclinici.

Negli ultimi anni, invece, vi è stato un crescente scetticismo sull’essenzialità dei modelli animali per il progresso medico [1-7]. Affermazioni come “virtualmente ogni conquista del secolo scorso, è dipesa direttamente o indirettamente dalla ricerca con gli animali” si trovano spesso nella letteratura per sottolineare l’importanza e la necessità dei modelli animali usati nello sviluppo di farmaci e nella scienza medica. Robert Matthews [6] ha discusso la validità di questa dichiarazione particolare in un articolo di critica nel 2008 e ha concluso che questa affermazione è aneddotica e generalmente non corrisponde al vero. Egli è convinto, però, e sicuramente vi è la prova che i “modelli animali possono e hanno fornito molti spunti cruciali che hanno portato a importanti progressi nella medicina e nella chirurgia” . Quindi, egli sostiene che le indagini sistematiche sull’uso di modelli animali e sulle prove che forse possono fornire sono necessarie.

Gill Langley, nel suo saggio critico nel 2009, riferì la stessa affermazione di Matthews dell’anno precedente [7] . Langley ha concluso che basarsi su surrogati animali di malattie umane è un approccio sbagliato nella scienza. Le sue ricerche, così come diverse revisioni sistematiche pubblicate dell’affidabilità dei modelli animali, hanno dimostrato che meno del 50% degli studi su animali hanno predetto i risultati umani sufficientemente. In alcuni settori della ricerca, ad esempio nello sviluppo di un vaccino contro la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS), il fallimento di previsione dei modelli di scimpanzé e di macaco è del 100% [7, 8].

Siamo convinti che i modelli animali possono essere strumenti utili nella ricerca biomedica, ma senza dubbio, è stato spesso osservato che gli effetti trovati nei modelli animali non possono essere tradotti nel clinico.

Riferimenti:

[1] Pound P, Ebrahim S, Sandercock P, Bracken MB, Roberts I, Reviewing Animal Trials Systematically (RATS) Group Where is the evidence that animal research benefits humans? BMJ. 2004;328:514–517. doi: 10.1136/bmj.328.7438.514.
[2] Bailey J. Non-human primates in medical research and drug development: a critical review. Biogenic Amines. 2005;19:235–255. doi: 10.1163/156939105774647385. 
[3] Hackam DG, Redelmeier DA. Translation of research evidence from animals to humans. JAMA.2006;296:1731–1732. doi: 10.1001/jama.296.14.1731. 
[4] Hackam DG. Translating animal research into clinical benefit. BMJ. 2007;334:163–164. doi: 10.1136/bmj.39104.362951.80.
[5] Knight A. Systematic reviews of animal experiments demonstrate poor human clinical and toxicological utility. ALTEX. 2007;14:125–130.
[6] Matthews RAJ. Medical progress depends on animal models—doesn’t it? J R Soc Med. 2008;101:95–98. doi: 10.1258/jrsm.2007.070164.
[7] Langley G. The validity of animal experiments in medical research. RSDA. 2009;1:161–168.
[8] Buckland G. In: Replacing primates in medical research: an expert report by the Dr Hadwen Trust, FRAME and Advocates for Animals. Available from science@drhadwentrust.org.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...